didattica generale:come insegnare

Tieniti Aggiornato! Iscriviti ora Gratis al Feed RSS
Tieniti Aggiornato! Iscriviti ora Gratis al Feed RSS

UniversiNet.it Quale argomento può essere più attuale dell’educazione e della formazione di ciascun individuo? Ecco a voi le informazioni su questo corso con tutti i consigli per passarlo.

Il corso del professor Massa nonostante la complessità e le difficoltà che presenta, è senz’altro l’esame più gettonato dell’istituto. Il docente sia durante il corso che durante l’appello mette a proprio agio gli studenti e li stimola alla continua ricerca e

all’approfondimento dei temi trattati. Sicuramente lo studio dei testi non è semplice se la materia non è apprezzata. Considerato che questo non è un esame obbligatorio, ma tra quelli scelti, vi sconsigliamo di avvicinarvi a questa materia se lo studio empirico, le questioni della formazione transculturale nell’ambito dell’inserimento nel contesto europeo e via dicendo, non vi interessano.

Libri: Per la parte istituzionale: 1) R. Massa, Cambiare la scuola. Educare o istruire? Roma-Bari, Laterza, 1977, pagine 106; 2) Massa (a cura di), Linee di fuga. L’avventura nella formazione umana, Firenze, La Nuova Italia, 1990, pagine 276; 3) Erdas, Didattica e formazione. La professionalità docente come progetto. Roma, Armando, 1991, pagine 258. Per la parte monografica: 1) Bertolini, R. Massa, (a cura di) Clinica della formazione medica, Milano, Angeli, 1996, pagine 368; 2) Riva, L’abuso educativo teoria del trauma in pedagogia, Milano Unicopli, 1993; pagine 192.

Un libro a scelta tra: 1)Maiocchi, M.G. Riva, Ragazzi, lavoro, salute. Milano Angeli, 1996, pagine 96; 2) Inghilleri, R. Terranova Cecchini (a cura di) Avanzamenti in psicologia transculturale. Nuove frontiere della cooperazione. Milano Angeli 1991, pagine 336; 3)Corradini, P. Cattaneo Educazione alla salute, Brescia, La Scuola, 1997, pagine 224, lire; 4) Salomone, Salute e prevenzione. La cura della conoscenza. Milano Angeli 1997 (introvabile); 5) Educazione allo sviluppo. Una cultura dell’indipendenza per la partecipazione alla cooperazione allo sviluppo. Firenze, La Nuova Italia, 1988, pagine 184.

All’appello: Massa è particolarmente attento alla capacità di ragionamento personale, ma soprattutto alla comprensione e all’attenzione che ciascuno dimostra di aver dedicato allo studio della materia. Non sono ammessi errori dovuti alla distrazione e alla superficialità.

Tempo: circa due mesi.

Difficoltà: 8.

Gradimento: 9.

Suggerimenti: se a prima vista i testi di Massa risultano difficili e poco comprensibili, attraverso una seconda lettura si possono comprendere a fondo i temi trattati. Attenzione: i testi relativi alla parte istituzionale sono da studiare prima degli altri. Per potersi presentare all’appello è necessario avere una buona padronanza della materia; è quindi inutile affrontare i testi del corso monografico se non si è raggiunta la comprensione totale degli altri.

Numero di appelli in un anno: uno ogni mese; non è richiesto il salto d’appello in caso di esito negativo.

Iscritti per appello: circa 90.

Percentuale promossi: 80 per cento.

Attenzione: con la riforma universitaria il programma d’esame potrebbe essere cambiato; consultatelo in facoltà prima di sostenere l’esame.