Energia elettrica dalle maree all'Università



energia dalle mareeUniversiNet.it -Il dr Michael Wrigley, Fellow IET e Presidente di IET France, illustrerà i progetti in corso per sfruttare l’energia silenziosa, invisibile, prevedibile e rinnovabile delle maree.Sabato 24 gennaio 2009 alle 14,30, il Museo della Tecnica Elettrica di Pavia (Via Ferrata, 3) ospiterà “Energia elettrica dalle maree” un convegno di rilievo internazionale

organizzato dal CIRSTE, Centro di Ricerca dell’Università di Pavia, e da IET (Institution of Engineering and Technology, London).“Il mondo intero ormai ha compreso che le fonti energetiche che stiamo consumando sono finite  - spiega il prof. Antonio Savini, Direttore del Museo della Tecnica Elettrica - e che, d’altra parte, le massicce emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera a causa della produzione e del consumo di energia, non possono essere ignorate.Innumerevoli studi sono stati fatti e sono in corso alla ricerca di fonti alternative di energia. Tuttavia la politica energetica dei maggiori paesi, compresa l’Unione Europea, non brilla per coerenza. Alcuni paesi hanno recentemente intensificato lo sfruttamento dell’energia del vento; tale sfruttamento però, oltre a presentare problemi ambientali, non offre garanzia di continuità.”

Quasi tutti gli studi sembrano trascurare il fatto che l’Europa ha una lunga zona costiera, parte della quale presenta significative correnti di marea. Chiunque, per esempio, abbia navigato lungo le coste britanniche e nel Canale della Manica sa quanto sono forti le correnti dovute alle maree.Perché non sfruttare queste correnti? Da questa osservazione è nato il progetto, che sarà illustrato al Museo della Tecnica. Si tratta di un progetto che presenta molte sfide. Occorre inventare tecnologie innovative per il dimensionamento di enormi turbine sommerse da collocare in ambiente molto ostile. Occorre studiare il problema del trasporto dell’energia prodotta. E naturalmente occorre trovare gli ingenti investimenti necessari.

Tieniti Aggiornato! Iscriviti ora Gratis al Feed RSSDa molti punti di vista il progetto è confrontabile con quello della realizzazione di una centrale nucleare e richiederà perciò un lungo periodo per arrivare a maturazione. Ciò nondimeno, le prime realizzazioni hanno evidenziato risultati incoraggianti. Nel corso dell’evento di sabato 24 gennaio al Museo della Tecnica Elettrica, il dr Wrigley  alle ore 15.30 esporrà le basi tecniche del progetto, illustrando le sfide affrontate e presentando le fasi già realizzate. Il dr Michael Wrigley ha alle spalle una lunga e variegata vita professionale, prima nel settore delle centrali nucleari e poi in industrie di vario tipo. Negli ultimi due anni ha partecipato al progetto di sfruttamento delle maree, del quale è responsabile per la parte francese.



Aggiungi questa pagina al tuo socialnetwork o social bookmarking preferito
Facebook! OKNO Google! Live! MySpace! Free social bookmarking plugins and extensions for Joomla! websites!

 

 

I 2 miracoli di Papa Francesco: accarezza una bambina e il tumore regredisce

Universinet.it - Salgono a due i miracoli di Papa Francesco....

 

Maturità 2017: tutte le materie

UNIVERSINET.IT - Maturità 2017 al via per  500mila rag...

 

Test Professioni Sanitarie Infermieristiche Riabilitazione

Universinet.it - Test di ammissione a Scienze Infermieristi...

 

Tampax alcolici: ecco chi ci ha provato e cosa gli è successo...

Universinet.it - Lei ha provato il tampax alcolico e ci racc...

 

Maturità 2105: sarà caccia al cellulare

Universinet.it - Dopo gli innumerevoli casi di fughe di noti...

film izle