giornalisti di guerra: mostra-evento a verona



Verona - Una straordinaria collettiva illustra il lavoro di otto reporter che hanno documentato importanti conflitti degli anni'90: é la guerra la vera protagonista di questa mostra, una guerra che può assumere molti aspetti... Il Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri del Comune di Verona l’agenzia VII e Grazia Neri, presentano la seconda grande collettiva dell’agenzia VII, proponendo una riflessione sul tema del lavoro del fotoreporter di guerra.
Dopo la mostra “New York Kabul”, presentata con successo a Verona in occasione del primo anniversario dell'11 settembre 2001, i fotografi dell'agenzia VII sono stati invitati a scegliere, tra i diversi tipi di reportage che hanno realizzato, un soggetto che illustrasse il loro lavoro di corrispondenti di guerra. Otto “corrispondenze” saranno quindi disposte negli spazi del Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri e intratterranno i visitatori in un percorso che li porterà dalla Jugoslavia all’Irak, in un periodo che va dal 1991 al 2003. Gli otto reportage differiscono nella loro durata: alcuni per esempio sono stati realizzati nel corso delle prime settimane di intervento americano in Irak, mentre altri sono frutto di un lavoro di più anni (Ron Haviv nella ex-Jugoslavia). La guerra è il tema principale di questi reportage, anche se essa assume forme diverse: sofisticate e convenzionali al tempo stesso (vedere le immagini di Gary Knight in Irak), o più primitive come a Gaza (Christopher Anderson). Una guerra tra nazioni (Cecenia) o tra membri di comunità etniche e religiose diverse (Afganistan, Jugoslavia), gli scontri di piazza tra la polizia e gli oppositori del regime in cui la violenza supera quella delle normali manifestazioni (Indonesia). Molto vicino a noi, il conflitto nei Balcani intacca durevolmente la costruzione europea; altri sembrano più lontani, ma questo senso di lontananza è talvolta soltanto geografico.

La mostra aprirà su tre conflitti importanti degli anni novanta: Jugoslavia, Cecenia e Afganistan. Dal 1991 Ron Haviv fotografa le conseguenze dello scioglimento della federazione jugoslava e l'intensificazione della guerra, della quale i bosniaci pagheranno il prezzo più caro, fino all’arresto di Slobodan Milosevic dieci anni più tardi. Christopher Morris documenta la guerra in Cecenia che i Russi conducono dalla fine del ‘94 e che terminerà temporaneamente nel 1997. Il 1996 segna l'entrata dei Talibani a Kabul e l'instaurazione del loro regime in un paese che non sembra avere altro avvenire che la guerra: James Nachtwey ne fotografa le cicatrici.

Ma non è solo in Cecenia o in Afganistan che la storia si ripete: tre anni dopo la prima guerra delle pietre (1987), negli stessi territori occupati dove opera Christopher Anderson (la striscia di Gaza) si sviluppa quella che è stata chiamata la seconda intifada.
E' sempre nella sollevazione della folla che il movimento sorto in Indonesia alla destituzione del presidente Suharto (1998) trova la sua origine: John Stanmeyer ne segue l’evoluzione ed anche le implicazioni nella regione di Timor Est mostrando l’estrema brutalità della repressione.

L’America di George W. Bush ha designato l’Irak tra i paesi che costituiscono una minaccia per la sua sicurezza. Dopo il suo intervento in Afganistan essa formula il progetto di liberare gli iracheni da Saddam Hussein e dal regime che egli aveva instaurato. Alexandra Boulat è inviata nella regione, all’inizio del 2003, per documentare la vita quotidiana all'avvicinarsi della guerra; fotograferà poi Bagdad e i suoi abitanti sottoposti alla dura prova dei bombardamenti. Da parte sua, Gary Knight segue da vicino l'intervento delle forze militari su terra: l'episodio che ha intitolato “The Bridge” potrebbe ricordare il ritmo e l'atmosfera delle fiction cinematografiche, ma qui tutto è vero. Quanto a Antonin Kratochvil, egli mostra nel deserto, intorno alle città o ai bordi delle strade, un paesaggio terribilmente devastato, le tracce fisiche, sia umane sia materiali, lasciate da questa guerra.
Gabriel Bauret, curatore della mostra

La mostra è aperta al pubblico dal 19 febbraio al 18 aprile 2004 con il seguente orario:
da martedì a domenica : 10.00 -19.00 (la biglietteria chiude alle ore 18,30)
Lunedì chiuso.
Biglietto intero: 4,10 Eu; ridotto: 2,10 Eu; militari, ragazzi, scolaresche: 1,50 Eu


LEGGI ANCHE: INVIATI DI GUERRA: A LA SAPIENZA IL CONVEGNO



Aggiungi questa pagina al tuo socialnetwork o social bookmarking preferito
Facebook! OKNO Google! Live! MySpace! Free social bookmarking plugins and extensions for Joomla! websites!

 

 

I 2 miracoli di Papa Francesco: accarezza una bambina e il tumore regredisce

Universinet.it - Salgono a due i miracoli di Papa Francesco....

 

Maturità 2017: tutte le materie

UNIVERSINET.IT - Maturità 2017 al via per  500mila rag...

 

Test Professioni Sanitarie Infermieristiche Riabilitazione

Universinet.it - Test di ammissione a Scienze Infermieristi...

 

Tampax alcolici: ecco chi ci ha provato e cosa gli è successo...

Universinet.it - Lei ha provato il tampax alcolico e ci racc...

 

Maturità 2105: sarà caccia al cellulare

Universinet.it - Dopo gli innumerevoli casi di fughe di noti...

film izle