SOS Test di ammissione: segnala le irregolarità

cellularihot

UniversiNet.it S.O.S. Test di Ammissione, denuncia tutte le stranezze che hai notato.
La redazione si riserva il diritto di selezionare le segnalazioni pubblicate.
Iscriviti ad Unievrsinet e posta le tue segnalazioni nel FORUM SOS TEST DI AMMISSIONE

Ecco una raccolta di alcune segnalazione dell’anno passato… tanto per avere idea di cosa vi aspetta!!

Università La Sapienza di Roma
SUK ARABO ALLA SAPIENZA VENDONO I TEST ALL’INGRESSO
Sono Michele, mi sono iscritto ai test alla Sapienza di Roma, quando sono andato in Università, intorno alle Segreterie, davanti agli ingressi e persino dentro c’erano decine di stand che vendevano fantomatici Test di Ammissione assegnati alla Sapienza. Un ragazzone mi ha abbordato dicendomi che erano consigliati dall’Università infatti solo loro potevano venderli li dentro, ne ho comprati 6 per un totale di 74 Euro, una volta a casa mi sono accorto che erano semplici opuscoli con i test dell’anno prima, uguali a quelli che ho scaricato dal sito del ministero e pieno di pubblicità di un corso di preparazione per l’accesso ai test del costo di centinaia di euro. Chi li ha autorizzati a stare li a vendere questi fantatest?
Io ci sono cascato solo per gli opuscoli ( 74 Euro sono stati una bella botta…) ma quanti saranno andati al corso? Ciao a tutti e in bocca al lupo.

LA DOMANDA 14 E’ SBAGLIATA!

Visto che il MIUR fa orecchie da mercante, vorrei segnalare una terza
domanda errata, la numero 14, che chiedeva qual è il motto dell’ Unione
Europea. La risposta che il MIUR ha segnato come corretta è “UNITA’ nella
diversità”, ma il motto è “UNITA nella diversità”.
Riterrei dunque corretto l’annullamento di tale quesito, che non aveva
alcuna risposta corretta ( essendo stata annullata la domanda 79 che non
aveva alcuna risposta corretta).

UNIVERSITA’ DI CAGLIARI
si è svolto a cagliari il test di ammissione per
professioni sanitarie. Dopo 15 minuti circa dall’inizio del test si sono
presentati in aula dei responsabili informandoci del fatto che 6 delle 13
domande di logica erano da considerarsi annulate in quanto prive di
soluzione o nel caso specifico prive della figura che avrebbe permesso la
risoluzione del quiz.

————-
salve,
sono uno studente che quest’anno ha sostenuto il test d’ammissione alla facoltà di medicina e chirurgia nella sede universitaria di bologna… oltre agli errori che sono stati riscontrati in tutta italia per quanto riguarda il vero e proprio test, il che è di grande importanza in quanto molti studenti come me hanno perso tempo a risolvere quesiti dei quali una soluzione non c’era oppure era più di una… credo che già questo basti a far ripetere il test in tutta Italia… comunque oltre a questo ho anche notato che il test si è svolto in modo abbastanza anomalo.. in quanto, oltre al fatto che nessuno di noi studenti è stato controllato prima della prova, il controllo non è stato fatto neppure durante la prova… da ciò è conseguito automaticamente una situazione di copia copia generale come diremmo noi ragazzi… infatti l’uso del cellulare sembrava una cosa abbastanza normale… non c’è nulla da ridere.. anzi… pensate che durante la prova è addirittura squillato un cellulare.. nessuno dei professori o non so chi fossero coloro i quali ci hanno dato i plichi si è accorto di nulla, ma non perchè fossero idioti.. anzi.. per il semplice fatto che nell’aula non c’erano!! hanno lasciato noi ragazzi, circa 300 in un aula, con delle neolaureande.. piuttosto inesperte a badare a tanti ragazzi scatenati pronti a far qualunque cosa per essere ammessi a medicina! oltre ai cellulari.. sono tornati di moda e di grande utilità le cartucciere, infatti oltre al nuovo metodo tecnologico per sapere la risposta dei quesiti, molta gente si è portata dietro veri e propri minilibri!!
ora no sto qui a dirvi tutto quello che, da studentessa, ho visto.. sarebbero troppe le cose da dire…
infine io ritengo una decisione giustissima quella di rifare il test in tutta Italia! tutte le regioni comprese! grazie dell’attenzione…

Gent. Redazione,
la mia protesta, non è tanto su brogli o falsificazioni di sorta.
Vorrei segnalare che nel test di ammissione a medicina i quesiti erano 80, per tutti. Tutte le facoltà, tutti gli atenei.
E in tutti è stato dichiaratamente ammesso esservi due domande (di fisica-matematica) alle quali non vi era risposta logica, o ve ne erano più d’una.
Quindi, se i due test non fanno punteggio, chi ha studiato meglio Biologia che fisica-matematica è a priori, e ingiustamente agevolato…
In quanto tutte le domande, tutte 80 devono valere in proporzione allo stesso modo, per tutti.
Solo questo. Non si possono dare due punti a tutti, indiscriminatamente. Sarebbe aggravare l’errore con uno più grande.
Comunque volevo far presente questo. Del resto non credo verrà tutto ripetuto. Però sarebbe corretto farlo.
Grazie,
S.F.

Sono uno studente che per tre volte si è visto sfuggire da sotto il naso l’ammissione alla facoltà di medicina.
La mia non vuole essere la denuncia di una stranezza ma più semplicemente una segnalazione e un consiglio per chi dall’alto ci guarda,ci governa e ci giudica. Ho notato in questi anni di esperienza,che gli scatoloni contenenti i test da destinare agli studenti,il giorno della prova,varcano la soglia dell’università molto prima che venga permessa l’entrata agli studenti. Fin qui non c’è nulla di strano,ma scusatemi se il legittimo sospetto di qualcosa di oscuro mi assale quando,una volta sistemato nella mia aula in compagnia di tutti gli altri aspiranti medici,posso constatare che non c’è nemmeno l’ombra di quelle scatole e di quei maledetti test,i quali arrivano miracolosamente solo poco prima della prova. Ora la mia domanda è: perché i test entrano nel palazzo molto presto e finiscono tra gli studenti solo poco prima di iniziare la prova? Chi mi assicura che mentre io aspetto di entrare,qualcuno non stia già aprendo uno dei moduli e con tutta calma e tranquillità si metta in collegamento con un ragazzo che attende fuori accanto a me? Dopo tutto: 1)il numero dei moduli non è esattamente uguale al numero delle persone realmente presenti al test 2)fuori dal palazzo è ancora possibile utilizzare apparecchi telefonici mentre dentro il palazzo i docenti,i presidi,le commissioni (e chi più ne ha più ne metta) dall’alto della loro cultura,e delle loro amicizie ridendo e scherzando esercitano orgogliosi il proprio potere. Non sarebbe maggiormente controllabile una situazione in cui i test entrassero nel palazzo solo dopo che TUTTI gli studenti abbiano occupato il loro banco e abbandonato eventuali apparecchi?
Grazie per la disponibilità e scusate se qualche frase suona come un rimprovero,ma a questo punto la rabbia prende il sopravvento.
Francesco

Stranezze a Cagliari
Non so se sia proprio un’anomalia, ma se avessi voluto copiare alla prova di medicina e chirurgia della facoltà di Cagliari avrei potuto farlo molto tranquillamente. Io sono onesta e probabilmente ne ho pagato le conseguenze, ma i controlli erano inesistenti, tanto è vero che molti ragazzi si stavano facendo il test in comunella, parlando tranquillamente come se niente fosse…di sicuro non eravamo controllati, chi voleva poteva cercarsi tutti i suggerimenti che preferiva. Mah…ci tenterò il prossimo anno, a meno che non decidano di annullarlo anche a Cagliari!