irak 100 giorni dopo: riflessione sul conflitto irakeno

Roma Università La Sapienza-Dipartimento di sociologia e Comunicazione organizzano una giornata dedicata al conflitto irakeno e all'informazione. In programma anche proiezione di film, musica,dibattiti, incontri.
Il Dipartimento di Sociologia e Comunicazione de La Sapienza, con l'adesione del Tavolo di solidarietà con le popolazioni dell'Iraq e la partecipazione del Circolo Culturale Montesacro di Roma, con il Patrocinio dell'Alto commissariato per i Rifugiati dell'Onu, del Comune di Roma e di OpenT presenta tre momenti di riflessione a cento giorni dell’inizio del conflitto.

ore 10.00 – 13.00: L’Informazione
TalkWar: lo spettacolo dell’informazione tra verità e oblio

Discutono sul tema: Mario Morcellini, Maurizio Costanzo, Lilli Gruber (Tg1), Ferdinando Pellegrini (Radio Rai), Duilio Giammaria (Tg1), Toni Capuozzo (Tg5), Magdi Allam (La Repubblica), Erfan Rashid (Rai Med), Giuseppe Giulietti (Articolo 21 Liberi di), Arturo Di Corinto (NoWarTv), Giuliana Sgrena (Il Manifesto), Toni Fontana (L’Unità)

Nel corso del dibattito sarà presentata la ricerca MediaWar a cura del Dipartimento di Sociologia e Comunicazione de La Sapienza ed un video-clip introduttivo sulla percezione del conflitto da parte degli studenti delle Facoltà di Scienze della Comunicazione e di Sociologia.

ore 15.00 – 19.00: Le Vittime
Proiezione in esclusiva italiana del documentario Massacro a Mazaar di Jamie Doran Presentazione di Silvestro Montanaro e Carla Ronga

Proiezione del film In the world – Cose di questo mondo di Michael Winterbottom
(Orso d'oro al festival di Berlino 2003)
IntervengonoLaura Boldrini, portavoce dell’Alto Commissariato o­nU per i Rifugiati
Giulio Marcon (Tavolo di solidarietà con le popolazioni dell'Iraq)

ore 20.00 – 24.00: La Solidarietà
Concerto per Mille e una notte di pace
L'ingresso è a sottoscrizione a favore del Tavolo di solidarietà con le popolazioni dell'Iraq
Quando: Martedì 3 giugno 2003
“La Sapienza” – Centro Congressi d’Ateneo, via Salaria 113- Roma






[Torna alla homepage di SCIENZE DELLACOMUNICAZIONE E SOCIOLOGIA]

Exit mobile version