Trastevere Food Tour: Dove mangiare bene e bere con 5 Euro

Roma – Trastevere, un labirinto di strade dove ogni angolo nasconde il migliore street food di Italia. Oggi vi porto con me in una vera e propria caccia al tesoro tra i vicoli di questo quartiere storico, insieme ai ragazzi di www.Topromestreetfood.com, armati solo di 5 euro e di un appetito da lupi. Partiamo da una premessa: se ti piazzi in mezzo alla piazza principale, a Santa Maria in Trastevere o Piazza Trilussa, aspettati di pagare il salasso. Ma noi siamo più furbi e ci infiliamo nei vicoletti, dove i prezzi calano e la qualità spesso sale.

Partiamo con Marco, che ci ha fatto da Cicerone nei meandri di Trastevere. Dice che appena ti allontani dalle zone troppo turistiche, con la stessa cifra ti porti a casa un’esperienza gastronomica che in piazza ti sogneresti. E non stiamo parlando di roba da quattro soldi, ma di street food di qualità che ti lascia soddisfatto senza alleggerire troppo il portafoglio.

Paolo, invece, ci ha introdotto a un angolo di paradiso dove con 5 euro ti fai una lasagna da paura o, se capiti nel giorno giusto, un filetto di baccalà che è una poesia. E pensare che a due passi da lì, in piazza, con la stessa cifra a malapena ti prendi un caffè.

Ma non finisce qui. Abbiamo scoperto un posto, nascosto tra i vicoli, in via San Francesco a Ripa verso piazza San Calisto, che è una vera istituzione di Trastevere. Si chiama “Er Bruschettaro” e qui la regola è semplice: mangi bene e spendi poco. Con 5 euro ti fai un panino gourmet e ti avanzi pure per la bevuta. E se sei in vena di qualcosa di ancora più economico, ci hanno detto che nei dintorni trovi al Bar San Calisto, gelato artigianale a 1 euro e tè freddo fatti in casa oltre a caffè e Maritozzi freschissimi.

Poi c’è il caso di Venanzio. Questo posto è una leggenda: con 5 euro qui ti fai una lasagna che ti ricordi per giorni. E se sei fortunato, becchi anche il baccalà o qualche altra specialità del giorno che ti fa capire perché a Trastevere si mangia ancora bene se conosci i posti giusti.

Ancora pochi metri e c’è la mitica Giselda, forno e bar sempre aperti, pasticceria fresca, pizza, pizzette panini e cornetti sempre buonissimi.

Insomma, ragazzi, Trastevere è piena di questi angolini magici dove vieni fuori che ti lecchi i baffi. La morale della favola è che a Trastevere, se sai dove andare, il buon cibo a prezzi onesti non è un miraggio. Basta allontanarsi un po’ dalle rotte più battute e aprirsi alle sorprese che solo i vicoli più nascosti sanno offrire. E ricordatevi, a Trastevere la regola d’oro è esplorare: ogni volta potreste scoprire un nuovo posto che vi stupirà.

Exit mobile version