musica con il grande maestro ciccolini

Musica all'Università di Roma con le sonate del maestro Aldo Ciccolini. Il programma del concerto, le foto e.. Per gli appassionati della grande musica il concerto di domani e domenica non può certo lasciare indifferenti!
Torna a Roma dopo dieci anni per L'istitutzione universitaria concerti di Roma, il grande Aldo Ciccolini . Il suo nome, la fama e il talento sono indiscussi e ben noti a molti, ma vediamo di conoscerlo un po' di più.

Aldo Ciccolini nasce a Napoli nel 1925. Studia sotto la guida del M°. A. Denza, da cui eredita gli insegnamenti di Ferruccio Busoni, Franz Liszt e Sigismund Thalberg. Nel 1949 vince il Concorso “Long – Thibaud” di Parigi e il fulmineo successo che la Francia gli accredita fa esplodere in lui la passione per la cultura e la musica di quella nazione. È infatti stimato tra i più autorevoli interpreti di compositori francesi. Memorabili le prime integrali pianistiche di Erik Satie, Maurice Ravel, Claude Debussy, Emmanuel Chabrier presentate in diversi cicli concertistici. Accademico di Santa Cecilia, Chevalier de la Légion d’Honneur, Officier dans l’Ordre National du Mérite, Commandeur des Arts et Lettres, titolare di numerosi premi (Prix Edison de l’Académie Charles Cros, della National Academy degli Stati Uniti, del Disco francese), nel 1971 Aldo Ciccolini sceglie di prendere, la nazionalità francese e accetta l’incarico di Professore al Conservatoire National Supérieur de Musique di Parigi.

Il programma del concerto:
Il programma proposto dal M°: Ciccolini per i due concerti è incentrato sulla sonata. Nella prima parte si ascolterà la Sonata in sol minore op. 34 n. 2 di Muzio Clementi, composta nel 1795 ed annoverata tra i capolavori della copiosa produzione pianistica del compositore romano.
Seguirà la notissima Sonata in la bemolle maggiore op. 110 di Ludwig van Beethoven, composta nel 1821 e penultima delle 32 Sonate.
Nella seconda parte si ascolteranno i Deux Poèmes op. 32 e la Sonata n. 9 op. 68 “Messa nera” di Aleksander Skrjabin. I Poèmes op. 32 (1903) seguono la forma di un breve improvviso per pianoforte.
In omaggio alla sua città natale, il M°. Ciccolini concluderà l’esibizione con la scintillante rapsodia napoletana Piedigrotta 1924 del compositore italiano, naturalizzato statunitense, Mario Castelnuovo-Tedesco.

QUANDO&DOVE:
Sabato 1 ore 17,30 – Domenica 2 marzo ore 20,30, Aula Magna “La Sapienza”